Articoli

Cerca

Commenti recenti

Genitori davvero alla pari: ecco l’uovo di colombo per promuovere la natalità

Genitori davvero alla pari: ecco l’uovo di colombo per promuovere la natalità

leggi tutto

Per mettere le coppie in condizioni di appagare il proprio desiderio di genitorialità bisogna attivare politiche che favoriscano il riequilibrio dei divari di genere: a partire da congedi di genitorialità perfettamente paritari, integrati con politiche fiscali e dei servizi che ne rendano paritario l’utilizzo concreto. Purtroppo invece agli Stati generali della Natalità il tema cruciale del coinvolgimento dei padri nella cura di figli e figlie è comparso pochissimo e il carico di lavoro che grava sulle madri è rimasto il classico elefante nella stanza.

La lotta agli stereotipi di genere nelle scuole italiane: nessun programma organico

La lotta agli stereotipi di genere nelle scuole italiane: nessun programma organico

leggi tutto

L’Italia è uno dei pochi paesi UE a non avere istituito programmi scolastici obbligatori di educazione all’affettività e contro le discriminazioni e la violenza di genere, benché la legge lo preveda. L’attuazione delle indicazioni è lasciata alla buona volontà di insegnanti e dirigenti della scuola, mentre non c’è una programmazione organica che affronti questi temi in funzione preventiva, iniziando con le classi di minore età, da dove è cruciale partire.

Ai maschi la competizione, alle femmine la cura: a scuola ancora troppi stereotipi di genere

Ai maschi la competizione, alle femmine la cura: a scuola ancora troppi stereotipi di genere

leggi tutto

Dall’ultimo rapporto AlmaDiploma emerge come nell’educazione scolastica ed universitaria ancora resistano con forza stereotipi di genere, che vedono i maschi più orientati allo sport, al futuro professionale e alle discipline STEM, mentre le femmine alle professioni di educazione e cura. Differenze che si riflettono nell’attività professionale, che vede contratti part time o irregolari più diffusi tra le femmine, insieme a uno stipendio medio più basso di quello dei maschi. 

Essere genitori insieme: i benefici della cogenitorialità

Essere genitori insieme: i benefici della cogenitorialità

leggi tutto

La rivista Medico e Bambino pubblica questo mese un interessante articolo sul coinvolgimento paterno nelle cure parentali fin dalla più tenera età, che mostra la crescente accettazione sociale di questa pratica, l’evidenza scientifica dei benefici per tutti gli attori coinvolti e alcuni consigli per i pediatri che prendono in carico le famiglie.

Italia e Svezia a confronto: come si utilizzano i congedi parentali

Italia e Svezia a confronto: come si utilizzano i congedi parentali

leggi tutto

In che modo i papà dovrebbero impiegare il tempo dedicato al congedo? Se ne è discusso in Italia dopo una sentenza che ha reintegrato un papà licenziato perché nella giornata di congedo si era dedicato a fare la spesa. Ma anche in Svezia, si discute se concedere più flessibilità alle famiglie nell’organizzazione dei tempi, oppure regolamentare in modo più restrittivo i congedi per indirizzare le coppie verso una maggiore condivisione del lavoro di cura.

Allattamento: anche i papà entrano in gioco

Allattamento: anche i papà entrano in gioco

leggi tutto

L’allattamento è una faccenda che non riguarda solo la mamma e il suo bambino o la sua bambina: è un atto di cura che comprende il contatto fisico, il contenimento, l’incontro di sguardi, la creazione di un legame di attaccamento che trasmette sicurezza e nutre la mente oltre che il corpo. Anche i papà possono partecipare a questo scambio affettivo, prendendosi cura sia del bimbo o della bimba, sia della mamma. Non solo possono, ma il loro ruolo è fondamentale per la buona riuscita dell’allattamento.

Lo stile di vita paterno prima del concepimento

Lo stile di vita paterno prima del concepimento

leggi tutto

Quando una coppia programma una gravidanza, giustamente l’aspirante mamma fissa un colloquio preconcezionale e riceve informazioni utili su come prepararsi al meglio per l’attesa, su come adeguare il proprio stile di vita a beneficio del nascituro. Raramente la stessa cura, le stesse informazioni vengono rivolte all’aspirante papà. È ovvio infatti che le condizioni di salute della donna influiscono sullo sviluppo del feto che cresce dentro di lei, mentre è meno intuitivo, ed è noto solo da pochi anni, che anche le condizioni di salute del futuro papà in epoca preconcezionale hanno un impatto sull’esito della gravidanza e sullo sviluppo del nascituro.

Papà canguro: il contatto continuo pelle a pelle giova a tutti

Papà canguro: il contatto continuo pelle a pelle giova a tutti

leggi tutto

I benefici del metodo della “mamma canguro” sono noti e comprovati da tempo. Di recente, sono apparsi i primi studi che indagano quello che succede quando sono, invece, i papà a prendersi cura così dei loro bimbi e delle loro bimbe. I risultati dimostrano, anche in questo caso, vantaggi per la salute fisica e il benessere psicologico per tutte le persone coinvolte, un guadagno di consapevolezza e confidenza nelle proprie competenze da parte dei padri e lo sviluppo di un saldo legame di attaccamento.

Depressione dopo il parto: tra stigma e stereotipi anche i papà ne soffrono

Depressione dopo il parto: tra stigma e stereotipi anche i papà ne soffrono

leggi tutto

Il 9% degli uomini va incontro a depressione entro il primo anno di paternità, secondo una metanalisi pubblicata nel 2020. La prevalenza è inferiore a quella della depressione materna, pari al 10-15%, ma comunque significativa. Eppure, la depressione post-partum maschile è un disturbo di cui si parla poco o niente, sommerso dallo stigma e dagli stereotipi di genere. In questo contesto, l’attività pediatrica può essere una grande risorsa.

Asili nido: soldi a singhiozzo

Asili nido: soldi a singhiozzo

leggi tutto

Un’occasione preziosa da non sprecare. In questi termini si era parlato nei mesi passati dei fondi Pnrr stanziati per l’ampliamento dell’offerta di asili nido in Italia. Oltre un miliardo di euro per avvicinarci finalmente ai livelli definiti dall’Unione europea. Le preoccupazioni che in molti avevano mostrato si sono fatte sempre più concrete. L’ennesima scadenza slittata è stata quella del 30 giugno. Nel frattempo, la stampa che si sta occupando del tema ha rilevato due criticità non di poco conto: la riduzione degli obiettivi e la destinazione d’uso dei fondi.

La ripartizione del lavoro domestico: al cuore della disuguaglianza di genere

La ripartizione del lavoro domestico: al cuore della disuguaglianza di genere

leggi tutto

In Italia la cura della famiglia e della casa continua a gravare prevalentemente sulle spalle delle donne. Questa disparità condiziona pesantemente ogni aspetto della vita femminile: le relazioni sociali, la realizzazione professionale, l’indipendenza economica e i rapporti di potere all’interno della coppia e della famiglia. Un progresso c’è: passa attraverso l’impegno dei giovani padri coinvolti nella cura di figli e figlie, e attraverso la trasmissione di modelli culturali più equi alle nuove generazioni.

Il mese di congedo parentale all’80%

Il mese di congedo parentale all’80%

leggi tutto

La legge di bilancio 2023 apporta un lieve incremento economico dei congedi parentali. Tuttavia, inquadrandolo nel contesto italiano, non solo i suoi effetti positivi sono estremamente limitati, ma con tutta probabilità incrementerà pure il divario di genere in termini occupazionali e di cura genitoriale.

Fuori dal nido

Fuori dal nido

leggi tutto

Gli asili nido sono livelli essenziali di prestazione: possono contribuire ad equilibrare le disuguaglianze nell’occupazione tra donne e uomini, ma sono anche fondamentali per lo sviluppo socio-cognitivo nella prima infanzia. L’Italia però deve lavorare ancora per avvicinarsi agli obiettivi europei che sono passati dal 33% al 45% di copertura del servizio. In questo contesto i fondi del PNRR rappresentano una grande occasione, da non sprecare.

Padri e madri: il congedo dopo il parto fa bene alla salute mentale

Padri e madri: il congedo dopo il parto fa bene alla salute mentale

leggi tutto

Il congedo dopo il parto è protettivo verso i disturbi di salute mentale delle madri, specialmente se retribuito almeno per 2-3 mesi, meno chiari i risultati per quanto riguarda il congedo paterno, tuttavia, anche i padri manifestano miglioramenti per quanto riguarda la loro salute psichica quando ci sono politiche che offrono adeguata sostituzione salariale o incentivi in altre forme.
Sono i principali risultati di un lavoro pubblicato su Lancet public health.

Lontano dai fornelli per fare il papà

Lontano dai fornelli per fare il papà

leggi tutto

«D’ora in poi il mio lavoro principale sarà fare il papà». Questo l’annuncio di Franco Aliberti, pasticcere e chef che ha scelto di dare la priorità alla cura del figlioletto di due anni. Senza rinunciare del tutto al lavoro, lo trasformerà in attività di consulenza e di scrittura che gli consentono di liberare il tempo da trascorrere con il piccolo.