leggi

I primi mille giorni – Le schede. Integrare l’allattamento con i primi alimenti solidi, un passo importante.

I primi mille giorni – Le schede. Integrare l’allattamento con i primi alimenti solidi, un passo importante.

Con alimentazione complementare si intende l’introduzione graduale di alimenti semi-solidi e solidi, che integrano l’assunzione del latte materno, a partire dai 6 mesi di vita del bambino o bambina. Un passaggio importante, che papà e mamma possono condurre insieme. La parola ‘svezzamento’, che vuol dire “svezzare dal seno”, è un termine non corretto, perché in questa fase l’allattamento al seno non si interrompe, ma si integra.

Genitori davvero alla pari: ecco l’uovo di colombo per promuovere la natalità

Genitori davvero alla pari: ecco l’uovo di colombo per promuovere la natalità

Per mettere le coppie in condizioni di appagare il proprio desiderio di genitorialità bisogna attivare politiche che favoriscano il riequilibrio dei divari di genere: a partire da congedi di genitorialità perfettamente paritari, integrati con politiche fiscali e dei servizi che ne rendano paritario l’utilizzo concreto. Purtroppo invece agli Stati generali della Natalità il tema cruciale del coinvolgimento dei padri nella cura di figli e figlie è comparso pochissimo e il carico di lavoro che grava sulle madri è rimasto il classico elefante nella stanza.

I primi mille giorni – Le schede. Integrare l’allattamento con i primi alimenti solidi, un passo importante.

I primi mille giorni – Le schede. Integrare l’allattamento con i primi alimenti solidi, un passo importante.

Con alimentazione complementare si intende l’introduzione graduale di alimenti semi-solidi e solidi, che integrano l’assunzione del latte materno, a partire dai 6 mesi di vita del bambino o bambina. Un passaggio importante, che papà e mamma possono condurre insieme. La parola ‘svezzamento’, che vuol dire “svezzare dal seno”, è un termine non corretto, perché in questa fase l’allattamento al seno non si interrompe, ma si integra.

Genitori davvero alla pari: ecco l’uovo di colombo per promuovere la natalità

Genitori davvero alla pari: ecco l’uovo di colombo per promuovere la natalità

Per mettere le coppie in condizioni di appagare il proprio desiderio di genitorialità bisogna attivare politiche che favoriscano il riequilibrio dei divari di genere: a partire da congedi di genitorialità perfettamente paritari, integrati con politiche fiscali e dei servizi che ne rendano paritario l’utilizzo concreto. Purtroppo invece agli Stati generali della Natalità il tema cruciale del coinvolgimento dei padri nella cura di figli e figlie è comparso pochissimo e il carico di lavoro che grava sulle madri è rimasto il classico elefante nella stanza.

ascolta

Padri accudenti: quali benefici

Padri accudenti: quali benefici

ascolta

Abbiamo intervistato Alessandro Volta, direttore del Programma Materno-Infantile della AUSL di Reggio Emilia, sul ruolo dei padri nell’accudimento dei figli e delle figlie. In che modo influisce positivamente un padre accudente e informato sul benessere di tutti i componenti della famiglia?

Padri accudenti: quali benefici

Padri accudenti: quali benefici

ascolta

Abbiamo intervistato Alessandro Volta, direttore del Programma Materno-Infantile della AUSL di Reggio Emilia, sul ruolo dei padri nell’accudimento dei figli e delle figlie. In che modo influisce positivamente un padre accudente e informato sul benessere di tutti i componenti della famiglia?

guarda

insieme per il cambiamento

Le equilibriste 2024

Le equilibriste 2024

scopri

Oggi più che mai la maternità si trova al centro del dibattito pubblico, a partire dal fatto che il numero medio di figli per donna è sceso da un già basso 1,46 del 2022 al 1,20 del 2023.
«C’è bisogno di comprendere a pieno i motivi per cui nel Paese ci sono sempre meno madri e quale sia la loro condizione nel mondo del lavoro e nella gestione quotidiana della genitorialità», si legge sull’ottava edizione del rapporto che ogni anno Save the Children dedica al tema della maternità in Italia.
Il report “Le equilibriste 2024” è incentrato sulle politiche familiari, su ciò che si è fatto in Italia fino ad ora per dare la possibilità a chi lo desideri di diventare madre, e per cambiare le condizioni lavorative delle madri. Offre anche un confronto internazionale, con un’analisi dei percorsi di welfare di alcuni Paesi europei che hanno investito per provare a invertire il trend demografico.

25 NOVEMBRE 2023 – UN SILENZIO IMBARAZZATO

25 NOVEMBRE 2023 – UN SILENZIO IMBARAZZATO

scopri

E se ce ne stessimo semplicemente in piedi davanti alle nostre responsabilità? Senza accampare scuse, senza minimizzare quello che abbiamo fatto, senza deflettere la responsabilità verso qualcun altro/a? Quante donne abbiamo maltrattato e l’abbiamo fatta franca? Quante figlie e figli abbiamo deluso e non ce ne importa niente?
Sabato 25 novembre 2023 staremo in piedi in Piazza Castello a Torino con la consapevolezza nel cuore

Questionario sui congedi per papà

Questionario sui congedi per papà

scopri

Vi chiediamo qualche minuto del vostro tempo per compilare questi questionari anonimi che hanno come argomento i congedi di paternità e parentali. Le vostre esperienze e le vostre risposte ci servono per continuare a cambiare le cose, per avanzare proposte che portino un sostegno della genitorialità e della paternità sempre più solido e strutturato.

4eparent

EQUAL ENGAGED EARLY EMPATHETIC

È un progetto europeo che intende promuovere l’impegno dei padri da subito nella cura di figlie e figli secondo una idea di mascolinità accudente. Ha una declinazione nazionale per meglio contribuire a modificare atteggiamenti, abitudini, stereotipi e organizzazione sociale, prevenire la violenza di genere e accrescere il benessere di tutte le componenti della famiglia.